Siti internet: come smascherare i cattivi SEO, lezione n.2

Ed eccomi di ritorno con la lezione n. 2 su come smascherare i cattivi SEO. Può succedere che quando ti affidi ad un professionista per completare la realizzazione del tuo sito internet e vederlo finalmente apparire fiero nelle SERP dei vari motori di ricerca, tu debba prestare molta attenzione a come spenderai i tuoi soldi. Infatti alcuni “servizi” che le agenzie SEO disoneste spacciano per tali potrebbero rivelarsi pericolosi sia per il tuo buon posizionamento sia per il tuo portafogli. Vediamo insieme quali sono.


siti internet e ottimizzazione

Se un SEO ti garantisce che senza ombra di dubbio in un arco di tempo improbabile, che varia dai 7 giorni ad un mese, il tuo sito web professionale appena creato rimarrà ancorato nella prima pagina dei motori di ricerca senza intervento alcuno da parte tua e per sempre, ti sta dicendo un’assurdità e tu faresti bene a rivolgerti a qualcun altro. Nessuno, nemmeno un mago, può assicurarti questo perché gran parte dell’attività di SEO è fuori dal controllo del professionista stesso. I motori di ricerca variano i loro parametri di giudizio in continuazione, modificano il page ranking di un sito, favoriscono il ricambio nei primi 10-20 risultati delle SERP e fanno colare a picco o risalire un sito, senza che questo mutamento sia imputabile al primo intervento dell’esperto di SEO. Un buon professionista tuttavia si contraddistingue per il suo lavoro continuo e se lo sa fare bene, a prescindere dai mutamenti dei motori di ricerca, il tuo sito ha la possibilità di risalire nella classifica dei risultati.

Ad un certo punto l’agenzia disonesta potrebbe proporti un’offerta vantaggiosa: la sottoscrizione mensile ad oltre 300 motori di ricerca ad un prezzo davvero conveniente. Se dovesse capitarti puoi anche decidere di denunciarli in quanto questo non è un servizio, ma un modo becero di spillarti dei soldi. Non hai assolutamente bisogno di pagare per iscrivere il tuo sito web ai motori di ricerca, perché l’iscrizione è completamente gratuita (anche se un po’ noiosa). E tanto meno hai bisogno di rinnovarla mensilmente perché saranno gli stessi spider dei search engine a verificare la presenza, gli aggiornamenti e i cambiamenti del tuo sito, in maniera automatica e gratuita.

Diffida anche da coloro che ti dicono: “Tranquillo, non fornirci le keyword, le prendiamo noi direttamente dai contenuti del tuo sito”. A prima vista potrebbe avere un senso, ma allora spiegami perché dovresti affidarti ad un esperto se è così semplice ricavare le keyword con le quali vuoi farti trovare. A maggior ragione se ti occupi di un settore specialistico di cui gli utenti non sanno quasi nulla e che di conseguenza non scrivono le keyword che a te sembrerebbero ovvie quando ricercano un servizio che tu potresti fornire. Per ottenere il massimo dal servizio di ottimizzazione dovrai trovare le tue keyword insieme al tuo esperto e verificare che abbiano un’alta usabilità fra gli utenti, altrimenti getteresti i tuoi soldi al vento.

Attenzione anche quando ti viene offerto di collegare il tuo sito ad un dominio ombra, pratica considerata più che illegale da Google & Company. Tale “servizio” permetterebbe al tuo sito internet di essere collegato ad un dominio ombra che guida i risultati della prima pagina delle SERP e genera una copia delle tue pagine web fatta appositamente per gli spider dei motori di ricerca. Tali domini ombra di solito reindirizzano gli utenti sul tuo sito internet, ma mediante link ingannevoli e questo provoca il disappunto degli utenti e il possibile banno permanente del tuo portale web.

Bene, anche per oggi abbiamo terminato. Ci vedremo presto con la terza lezione, intanto nel blog troverete altri spunti interessanti sulla realizzazione di un sito internet e su come ottimizzarlo al meglio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.